Novità

25/03/18

Centro Sociale Stradiotti: al via il piano di rilancio per lo spazio di via Varo

Venerdì scorso è stato presentato il progetto di rilancio del centro di via Alfeno Varo grazie all’impegno di Fondazione Città di Cremona e di Auser-Unipop che ha in gestione il Centro sociale per anziani “Eliseo e Stellina Stradiotti”.

Secondo il piano di rilancio di Fondazione e Auser Unipop, per venire incontro alle esigenze degli utenti dello spazio, rafforzando il welfare cittadino, Cremona Solidale coinvolgerà gli anziani del Centro Stradiotti in diverse iniziative. I servizi dedicati agli anziani, oggi in via Varo, avevano prima sede a Palazzo Stradiotti, ora in fase di restauro dopo l’acquisto dell’Accademia Stauffer.

«L’obiettivo è il rilancio del Centro Stradiotti – hanno dichiarato Fondazione e Auser-Unipop - ampliando il ventaglio delle proposte da rivolgere a chi attualmente lo frequenta, ai residenti del quartieri e ai cittadini cremonesi in generale». I promotori intendono inoltre incentivare il più possibile la condivisione e la diffusione delle tematiche che riguardano la vita degli anziani.

20/03/18

Casa Barbieri: inaugurato un nuovo servizio per gli ospiti di via XI Febbraio

E' stato inaugurato giovedì 15 marzo al Centro Barbieri di via XI febbraio il nuovo servizio ideato per il disbrigo delle commissioni quotidiane (dalla spesa alle ricette mediche) messo a disposizione dall’Azienda Cremona Solidale per tutti gli inquilini e frequentatori del complesso. Presente all'appuntamento anche la presidente di Fondazione Città di Cremona Uliana Garoli, soddisfatta per un altro tassello che va ad arricchire il welfare cittadino nel rispetto della missione di Palazzo della Carità.

Prossimo appuntamento è fissato per giovedì 12 aprile (mattina e pomeriggio) presso la sala Convegni Benaco di Cremona Solidale, sul tema dell'ascolto attivo delle comunità dal titolo "Welfare di comunità ed anziani". Un incontro che sarà occasione anche per dare significato alla propria storia, ai legami e alle competenze acquisite nell’arco della vita. Per informazioni sul programma consultare la pagina Facebook di Cremona Solidale.

16/03/18

Gestione virtuosa della cosa pubblica. L’incontro di Cottarelli con i cremonesi

«Sono tornato in Italia anche per sensibilizzare più persone possibili sul debito pubblico, un macigno di cui dobbiamo occuparci per una gestione della cosa pubblica più giusta ed equa». Carlo Cottarelli, direttore dell’Osservatorio Economico dell’Università Cattolica di Milano, ha incontrato la cittadinanza cremonese riunitasi in un appuntamento organizzato e voluto dai comitati di quartiere e intitolato “La cultura della gestione virtuosa della cosa pubblica”. Presenti all’Oratorio del Boschetto anche il sindaco Gianluca Galimberti e la presidente di Fondazione Città di Cremona Uliana Garoli, moderatrice del dibattito.

 

Cottarelli ha parlato a tutto campo della gestione della cosa pubblica e delle azioni che si potrebbero mettere in campo perché diventi più virtuosa. «Gli sprechi complessivi ammontano a circa 5 miliardi di euro – ha calcolato Cottarelli - su una spesa complessiva statale di 820 miliardi sembrano poca cosa, ma è una questione qualitativa». Già commissario alla spending review, Cottarelli ha parlato a braccio, entrando nel merito dei programmi politici che promettono maggior spesa e indebitamento. «La crisi economica degli ultimi dieci anni è figlia proprio di una gestione sbagliata dei conti».

 

All’incontro molto partecipato dalla cittadinanza, Cottarelli ha discusso anche dei mali dell’economia italiana, dalla corruzione all’eccessiva burocrazia fino all’evasione fiscale. «Il rispetto delle regole da parte di tutti avrebbe effetti enormi e positivi sull’economia e sulla società». Ecco perché l’economista, oggi anche Visitor Professor alla Bocconi di Milano, ritiene che si debba puntare molto, senza mai tagliare, sulla scuola e sull’educazione civica.

 

Fondazione Città di Cremona ha partecipato all’incontro, portando nel dibattito l’esperienza di un Ente che ha nella propria missione la gestione migliore possibile delle risorse che vanno destinate al territorio e ai suoi abitanti. «Siamo l’esempio di cosa si può fare per la comunità», ha dichiarato la presidente Garoli, che ha poi sottolineato la generosità dei cremonesi, ricordando i lasciti Raspagliesi e Somenzi, gli ultimi in ordine di tempo che si rivolgono alle esigenze e ai bisogni della popolazione più anziana. «La cura della cosa pubblica si fa a livello di amministrazione – ha ricordato infine il sindaco Galimberti – ma anche noi cittadini dobbiamo fare la nostra parte tutti i giorni».

13/03/18

Welfare cittadino: alla Casa Barbieri un punto dedicato alle commissioni quotidiane. L'inaugurazione il 15 marzo

Giovedì 15 marzo, alle ore 15, verrà inaugurato alla Casa Barbieri di via XI Febbraio un nuovo servizio di aiuto e facilitazione per il disbrigo delle commissioni quotidiane (dalla spesa alle ricette mediche) messo a disposizione dall’Azienda Cremona Solidale per tutti gli inquilini, gli ospiti del Centro Diurno Integrato, i frequentatori del Centro Fornaciari e, in futuro, anche per gli anziani del quartiere. Sarà attivato attraverso un "maggiordomo" di comunità, funzione svolta dal volontario del servizio civile e da altri volontari attivati da Cremona Solidale.

 

Continua dunque l’impegno dell’Azienda che negli spazi di proprietà di Fondazione Città di Cremona, investe sul welfare cittadino. Alla Casa Barbieri, Cremona Solidale sta sperimentando anche il punto di ascolto, l’ultimo dei servizi in ordine di attivazione studiato su misura per gli ospiti del complesso, rispondendo alle loro necessità e alle loro richieste.

 

Da qualche mese inoltre sono state sperimentate, con la collaborazione degli operatori del Centro Diurno Integrato, occasioni di incontro dal carattere ludico e ricreativo aperte a tutti coloro che nella Casa Barbieri trovano il loro luogo di vita: inquilini o frequentatori occasionali o ospiti del CDI. In un’ottica poi di sempre maggior radicamento nel quartiere in pieno centro storico, Casa Barbieri sta dialogando con il vicino Liceo Artistico, con la Parrocchia di Sant’Imerio e con AUP.

 

All’appuntamento di giovedì interverranno la Presidente di Fondazione Città di Cremona Uliana Garoli e rappresentanti del Comune e dell'Azienda Speciale. Presente infine il parroco Don Antonio, che si è reso disponibile alla benedizione degli alloggi e del nuovo spazio di incontro.

 

Nell'ambito di queste iniziative, si ricorda inoltre la giornata seminariale organizzata giovedì 12 aprile (mattina e pomeriggio) presso la sala Convegni Benaco di Cremona Solidale, sul tema dell'ascolto attivo delle comunità dal titolo "Welfare di comunità ed anziani". Sarà una giornata di lavoro dedicata all'Invecchiare nella sua veste di incontro di opportunità, di occasione per dare significato alla propria storia, ai legami e alle competenze acquisite nell’arco della vita. Per informazioni sul programma consultare la pagina Facebook di Cremona Solidale.

 

11/03/18

Carlo Cottarelli a Cremona: venerdì 16 l’incontro pubblico moderato da Fondazione

Ci sarà anche Fondazione Città di Cremona all’appuntamento di venerdì 16 marzo - dalle 18 in poi - al Boschetto con Carlo Cottarelli, l’economista cremonese protagonista dell’incontro dal titolo “La cultura della gestione virtuosa della cosa pubblica”. A dialogare con l’attuale Direttore dell’Osservatorio Economico dell’Università Cattolica di Milano, ci sarà il sindaco Gianluca Galimberti mentre la presidente di Fondazione Uliana Garoli modererà il dibattito.

 

L’incontro pubblico e ad ingresso gratuito con Cottarelli si svolgerà all’Oratorio Santa Maria Annunciata del Boschetto, in via Crocile 16. Un’occasione importante per ascoltare l’autorevole testimonianza di Cottarelli, attuale Visitor Professor dell’Università Bocconi, esperto della gestione della cosa pubblica non soltanto dal punto di vista economico. Tema centrale nella mission di Fondazione Città di Cremona, da sempre impegnata su welfare cittadino e sostegno alle associazioni del territorio.

24/02/18

Palazzo Fodri: a una srl di informatica l’affitto dello storico immobile

È stato firmato il contratto tra Cremona Centro 2011 Srl e la società informatica Net4Market Csa Med per l’affitto degli spazi di Palazzo Fodri in Corso Matteotti. Un’azione che punta così a tenere vivo il centro storico, aggiungendo la presenza di un’azienda in espansione specializzata in progettazione e realizzazione di software.

Nel consiglio di amministrazione di martedì 27 febbraio, la presidente Uliana Garoli parlerà anche di questo importante risultato, per il quale la società si era mossa aprendo un bando pubblico per l’assegnazione in affitto dei prestigiosi spazi all’interno di Palazzo Fodri.

«È importante che il Fodri torni a riempirsi di contenuti», sono state le parole della presidente di Fondazione Città di Cremona. La srl, con 40 collaboratori al suo interno e distaccamenti a Roma e in Francia, prenderà posto in Corso Matteotti a cominciare da aprile.  

 

20/02/18

Il 12 aprile il convegno su welfare e comunità a Cremona Solidale

Si terrà giovedì 12 aprile a Cremona Solidale, in via Brescia 207, il convegno “Welfare di Comunità e anziani. L’ascolto attivo delle comunità”. A partire dalle 9 saranno numerosi gli interventi tra gli appuntamenti della mattina e il workshop del pomeriggio, tutti sul tema dell’invecchiamento e sul ruolo fondamentale che la comunità può e deve svolgere nel sostegno agli anziani.

All’evento, organizzato da Cremona Solidale in collaborazione con Metodi srl di Milano, ci sarà anche la presidente di Fondazione Città di Cremona Uliana Garoli a salutare i partecipanti del convegno del prossimo 12 aprile. Presenti anche il Sindaco Gianluca Galimberti e il Direttore di Cremona Solidale Emilio Tanzi. Nel corso della giornata la coordinatrice della stessa azienda Roberta Barilli parlerà del progetto di via XI febbraio su cui punta molto Palazzo della Carità.

A chi volesse partecipare all’evento, gratuito ma con posti limitati (90 per la mattinata e 30 per il workshop pomeridiano) è necessario compilare il modulo e spedirlo all’indirizzo mail disponibile qui entro il 30 marzo. Cremona Solidale informa che per gli assistenti sociali è in corso l’accreditamento presso l’Ordine per l’erogazione di crediti formativi.

Nel corso del pomeriggio il workshop riguarderà le buone pratiche per quanto riguarda la cura degli anziani, mettendo a confronto esperienze di territori diversi. Il programma completo è disponibile online.

17/02/18

Candidature aperte per il recupero della palazzina storica del Centro Geriatrico

Fondazione Città di Cremona accoglie le candidature per la selezione dell’azienda che si occuperà della “della progettazione definitiva/esecutiva” e della realizzazione “del primo lotto degli interventi di recupero dell’edificio storico del Centro Geriatrico”, una delle sedi di Cremona Solidale in via Brescia 207 e parte integrante del welfare cittadino, una priorità per la missione di Palazzo della Carità.

 

Secondo quanto comunicato nell’avviso e nella relazione preliminare, i criteri di intervento mirano al “recupero dell’intero edificio” di proprietà di Fondazione Città di Cremona. In accordo con il Comune e l’Azienda Cremona Solidale, l’Ente ha contribuito ad individuare le priorità per il primo lotto come gli spazi necessari per 40 posti letto, una piccola palestra e una infermeria.

 

Tra i diversi requisiti per la partecipazione, come indicato nel bando pubblico consultabile (sezione ‘Bandi’) l’azienda che si candida dovrà attestare di aver realizzato negli ultimi dieci anni per conto di committenti pubblici o privati almeno un’opera che abbia avuto una destinazione simile a quella figurata da Fondazione Città di Cremona per la palazzina di via Brescia.

 

Le domande degli operatori interessati agli interventi sulla palazzina storica del Centro Geriatrico devono essere spedite in plico sigillato specificando l’indicazione “Avviso di prequalifica lavori recupero edificio storico via Brescia 207”, entro e non oltre le ore 12 di giovedì 15 marzo all’indirizzo Fondazione Città di Cremona, Piazza Giovanni XXIII 1. In alternativa si può consegnare la documentazione necessaria negli orari di apertura al pubblico o tramite raccomandata con avviso di ricevimento.

 

L’ammontare presunto delle prestazioni richieste nell’avviso di prequalifica per il Centro Geriatrico è, al netto dell’IVA, di € 3.450.000 compresi gli oneri per la sicurezza. Fondazione Città di Cremona comunicherà il nome dell’azienda incaricata entro venerdì 20 aprile. L’impresa dovrà da quel momento impegnarsi ad avviare i cantieri entro giovedì 15 novembre.

 

Tra le condizioni necessarie per partecipare al bando di prequalifica vi è anche la dichiarazione da parte delle aziende della disponibilità all’acquisto in parziale permuta della parte residenziale dell’immobile di Corso Vittorio Emanuele 6. Parte degli interventi sul Centro Geriatrico saranno infatti finanziati da Fondazione proprio attraverso questa operazione.

16/02/18

Progetto "via XI Febbraio": ecco i nuovi servizi per un welfare cittadino

L’azienda Cremona Solidale ha aggiornato Fondazione in merito al progetto “via XI Febbraio” e alle azioni svolte all’interno del Centro Barbieri per “focalizzare in maniera sempre più precisa le funzioni e i profili delle diverse figure professionali” da inserire all’interno del complesso.

Al momento i servizi attivati o in via di definizione coinvolgono un animatore di comunità che promuova occasioni di svago e interazione nel Centro Barbieri; un maggiordomo di condominio di supporto alle attività e alle pratiche quotidiane degli inquilini; la portineria sociale, per la quale Cremona Solidale ancora sta cercando una figura che si occupi della gestione e degli ingressi, magari instaurando una collaborazione con la realtà di Civico 81 di via Bonomelli.

In questo periodo il progetto “via XI Febbraio” ha portato anche alla pubblicazione del “Giornalino del Barbieri”, strumento utile alla divulgazione delle iniziative e degli appuntamenti. Un periodico sul quale leggere anche le storie dei residenti e degli ospiti del Centro Barbieri. Da marzo invece prenderà il via il servizio infermieristico gratuito per la valutazione dei parametri vitali gestito da due operatrici volontarie.

Sei le iniziative svolte al Centro Barbieri tra novembre e febbraio. Feste, balli e momenti di divertimento che vogliono rendere il Centro barbieri un “centro aperto” alla città e al quartiere. Tema di cui si discuterà, presso Cremona Solidale, durante il convegno di giovedì 12 aprile, “Welfare di Comunità e anziani. L’ascolto attivo delle comunità”.

07/02/18

In Comune la firma del Protocollo operativo per sperimentare unità abitative al Centro Barbieri

Fondazione Città di Cremona ha sottoscritto con il Comune e con l’Azienda Cremona Solidale il Protocollo operativo per la sperimentazione di unità abitative destinate a persone fragili all’interno del Centro Barbieri di via XI Febbraio. Un nuovo passo dunque che va nella direzione di un rafforzamento del welfare cittadino, andando a tutelare così anziani soli autosufficienti o parzialmente autosufficienti, allargando anche a coppie con le medesime caratteristiche.

A pochi giorni dalla selezione dell’impresa Brognoli Giancarlo che effettuerà i lavori di ristrutturazione di alcuni spazi del Centro Barbieri, Fondazione Città di Cremona ha comunque aperto in accordo con Comune e Cremona Solidale alla sperimentazione di quegli alloggi abitativi già disponibili.

Il Protocollo operativo è il frutto di un percorso avviato nel 2015, con la firma dell’Accordo di Programma fra i tre attori istituzionali e sociali: alla base di quel documento si ponevano gli obiettivi di riorganizzare ed attivare servizi all’interno di complessi immobiliari strategici - come appunto quello in pieno centro storico del Centro Barbieri - attraverso il loro pieno recupero funzionale.

Alla firma del Protocollo operativo erano presenti, oltre al Sindaco Galimberti, l’assessore Rosita Viola e il presidente di Cremona Solidale Emilio Arcaini, anche la presidente di Fondazione Uliana Garoli affiancata dal vicepresidente Giancarlo Storti e dal Segretario Generale Lamberto Ghilardi. L’intervento di ristrutturazione previsto sul complesso interessato dal Protocollo arricchirà così la fruibilità degli spazi di via XI Febbraio, dove già sono presenti 39 alloggi e un Centro Diurno Integrato.